INFORMATIVA PRIVACY E COOKIE POLICY

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Piazza Porta Robustina – (25%) 2017-02-15T12:48:47+00:00

Project Description

STATO: 25%

Piazza Porta Robustina

In una lettera i cittadini sottolineano che «piazza Porta Robustina è una delle principali piazze della città e pertanto è un luogo comune della collettività che va preservato dall’abbandono in cui è caduta negli ultimi anni»

Piazza Porta Robustina è situata ad ovest della città, adiacente al centro storico, sulla via per Palombaio e Mariotto. Elementi caratterizzanti l’area sono le due chiese – Sant’Andrea e San Valentino -, il monumento con le 5 croci e il giardino centrale “Prof. Ottavio Leccese”. La presenza di grandi spazi vuoti privi di segnaletica ed arredo urbano assieme ad una mancata riqualificazione della piazza dà vita a fenomeni di disordine urbano e vandalismo.

La riqualificazione della piazza mira non solo alla creazione di uno spazio identitario di questa parte della città che attualmente ne è priva, ma anche alla definizione di uno spazio attrezzato per lo sport e la sosta nell’ambito della realizzazione di un percorso ciclo-pedonale che provenendo dal Parco dell’Alta Murgia e dalla campagna raggiunge la città e prosegue verso il litorale pugliese.

L’approfondimento partirà dal risultato di una precedente esperienza realizzata mediante una partecipazione dei cittadini (iniziativa di Progetto Comune, 2013); questa prima idea prevedeva una sensibile variazione della viabilità pedonalizzando la via adiacente alle chiese di Sant’Andrea e San Valentino, e adibendo la piazza a spazio gioco per i bambini e attività parrocchiali. Inoltre si proponeva una riorganizzazione degli spazi per parcheggi e nuove infrastrutture stradali che migliorassero la gestione veicolare. Partendo soprattutto dalle necessità espresse durante il processo partecipativo bisognerà raggiungere un’idea che tenga assieme: il nuovo tracciato della viabilità carrabile e del trasporto pubblico con la mobilità ciclopedonale che sarà introdotta dal PUMS; la necessità di attrezzature ed arredo urbano per lo svago; la cura del verde; la realizzazione di aree di parcheggio; l’uso della piazza come luogo per le attività parrocchiali e di quartiere.

Tra progetti ed idee esistenti, nuove proposte da parte dei cittadini e le nuove idee del gruppo di lavoro del Focus, lo Urban Center cercherà di ridare forma e vita ad un luogo oggi caratterizzato da degrado urbano e sociale cercando di arrivare alla elaborazione di una idea complessiva da consegnare ad una valutazione da parte della città nelle Assemblee partecipative.

Gli iscritti

Maranci Addolorata – Referente / Sym

Nicola Parisi – Assessore alle Politiche Urbanistiche

Lerario Gaetano Vito – Sym

PARTECIPA ANCHE TU!

Info e contatti

piazzaportarobustina@urbancenterbitonto.it

Come partecipare

Tutti gli incontri sono pubblici ed aperti alla cittadinanza.
Visualizza le date degli incontri sul calendario:

CALENDARIO

Oltre agli incontri fisici per ciascun focus, puoi partecipare ai gruppi di discussione online iscrivendoti al nostro sito web:

Discussione online

2 Comments

  1. nicola.parisi 9 maggio 2016 at 19:57

    Venerdì 6 maggio si è tenuto il primo incontro del focus di lavoro del focus di piazza Porta Robustina. Un componente ha dato un ottimo suggerimento rispetto ad un preciso percorso già ipotizzato; questo ha consentito al lavoro di evolversi meglio. La partecipazione funziona. Un buon inizio. C’è entusiasmo, c’è volontà. Ci sono tutte le condizioni per farcela. Auguri a tutto il gruppo di lavoro.

  2. nicola.parisi 24 aprile 2016 at 20:17

    Martedì prossimo, 26 aprile, presso la chiesa di San Valentino è previsto un incontro con il quartiere per fare il punto sullo stato dell’arte e sulla programmazione in corso.

Comments are closed.